Poesie

Giuseppe Gioacchino Belli

A mmenicuccio scianca

Dì’ un po’, ccompare, hai ggnente in condizione
La cuggnata de Titta er chiodarolo?
Be’, ssenti glieri si ccorcò a ffasciolo
Lo sguattero dell’Oste der Farcone.

Doppo fattasce auffagna colazione
J’annò cor deto a stuzzicà er pirolo:
Figurete quer povero fijjolo
Si cce se bbuttò addosso a pecorone.

Ma mmalappena arzato su er zipario,
Ecchete che per dio da un cammerino
Viè ffora er bariscello der Vicario.

Mò ha dà sposalla; e ppoi pec contentino
S’averà da godé ll’ affittuario
Che jj’ ha ffatto crompà ll’ovo e r’ purcino.


Giuseppe Gioacchino Belli

Aripijemesce

Lassa de stroligà, pissciacquasanta,
Bona serva de Ddio, muggnetta greca;
Prima che trovi ppiù cchi tte sce prega
S’hanno da sprofonnà Ssantiquaranta.

Fremma! Pascenza! E cce n’ho avuta tanta,
Che ssur collo sce porto la risega,
Ma adesso che ppe tté sserro la bottega,
Te fo credenza cuanno er gallo canta.

Serra tu ppuro, e appoggeje l’abbiffa;
E ‘r po’ d’ avanzo c’hai de farinella
Si nu lo voi spregi mmettelo in riffa.

Io nun crompo ppiù vacca pe vitella:
M’abbasta de strozzà ll’urtima miffa.
La bbrascia scotta ppiù dde la padella.


Artisti contemporanei Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *